Dermatite seborroica, con l’autunno aumentano i rischi: ecco come difendersi

La dermatite seborroica, come indica il nome stesso, è una patologia che colpisce la pelle e che produce una serie di sintomi piuttosto evidenti. Fra questi si trova ad esempio la secchezza della superficie cutanea, accompagnata da prurito intenso e da un rossore localizzato solo in certe zone. Altri segni tipici di questa dermatite sono la comparsa di croste di colore bianco o giallastro, dovute sia alla secchezza, sia all’eccesso di sebo. È anche per tale ragione che, alle volte, la pelle stessa appare più unta del normale.

Purtroppo, ancora oggi le cause di questa malattia epidermica non sono del tutto note. Ciò che si sa è che non dipende dal grado di igiene di chi ne soffre, e che può colpire sia i bambini che gli adulti. In questo articolo ci concentreremo sulla dermatite seborroica che affligge i secondi.

Autunno e dermatite seborroica

Se da un lato il meccanismo che causa la dermatite seborroica non è ancora chiaro, dall’altro si conoscono invece le circostanze che possono aggravarla. Fra queste si trova, ad esempio, l’arrivo dell’autunno e il calo delle temperature, accompagnato dal vento secco. È proprio il freddo uno dei fattori che aumentano l’incidenza di questa malattia sulla pelle degli individui, attraverso variazioni improvvise di temperatura. Anche la già citata aria secca rappresenta un grosso problema per chi soffre di questa forma di dermatite, così come l’abbigliamento indossato: nello specifico, si parla di abiti come quelli in tessuto di lana, che possono irritare la cute e scatenare la dermatite.

I possibili rimedi

Nei bimbi questa particolare malattia tende a scomparire da sola, tra i primi 6 mesi e l’anno di vita. Se ciò non dovesse succedere, però, i neonati stessi avrebbero bisogno di attenzioni specifiche, le stesse riservate agli adulti: è chiaro che la prima cosa da fare è ascoltare il parere di un dermatologo esperto, così da poter seguire un iter di cura che sia pensato specificatamente per chi ne soffre.

Per quanto riguarda il cuoio capelluto, comunque, è da sottolineare il ruolo benefico che può avere lo shampoo antiforfora, per via del fatto che la stessa forfora figura fra i sintomi di questa patologia. Inoltre, sul mercato sono presenti molti prodotti contro la dermatite seborroica come ad esempio quelli di Trosyd, utili per la cura della pelle e per contrastare gli effetti della dermatite in esame. La cura è possibile anche attraverso alcuni rimedi naturali: dal lievito di birra all’olio di jojoba, le soluzioni sono molteplici.

In qualunque modo si scelga di difendersi, è importante affrontare la dermatite seborroica soprattutto nei mesi freddi, quando la dermatite diventa ancor più fastidiosa: cure adeguate e puntuali, infatti, possono permettere al soggetto di evitare fastidiosi e prolungati problemi.

Non sono presenti Commenti

    Leave a reply

    Impostazioni della Privacy
    NomeAbilitato
    Cookie Tecnici
    Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
    Cookies
    Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.

    Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.