ARCHITETTI SU FINANZIAMENTI SCUOLE

 

Logo Architetti

CATANIA – La qualità degli ambienti scolastici è al centro del piano di finanziamento europeo i cui fondi -Pon Fesr “Ambienti per l’Apprendimento” 2007/2013 – sono stati destinati agli Istituti scolastici di primo e secondo ciclo bisognosi di adeguamenti infrastrutturali, in termini di messa a norma degli impianti, accessibilità, attrattività dei locali, dotazione di impianti sportivi ed efficienza energetica.

Tra questi anche quelli della Sicilia – che conta 173 progetti beneficiari di un totale fondi che ammonta 222.616.625 euro – e la città di Catania che, grazie al contributo di 7 milioni di euro, ha coinvolto 20 istituti (tra elementari e medie).

Si tratta di interventi di sviluppo e supporto per la riorganizzazione funzionale degli spazi didattici che tocca da vicino la categoria degli architetti: da qui il coinvolgimento in prima linea del rispettivo Ordine e del suo presidente Luigi Longhitano che, dopo un incontro con il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli – che ha manifestato la concreta volontà di entrare nel vivo della fase esecutiva – ha deciso di fare un passo avanti, avvalendosi della possibilità di accedere agli atti della Pubblica Amministrazione, così come previsto dalla legge.
«Ritengo che la disponibilità di questi fondi e la finalità che li caratterizza – afferma Longhitano – rappresentino indubbiamente una preziosa occasione di “riscatto” e crescita, sia per le tanto attese opere di riqualificazione dei luoghi scolastici che per gli addetti ai lavori. Da tempo segnaliamo l’urgenza di intervenire e di affidarsi a personale competente e qualificato, adesso è arrivata una buona opportunità per farlo. Perciò desidero seguire passo dopo passo l’iter di assegnazione, sapere come stanno procedendo i 58comuni della provincia, sapendo se hanno già ricevuto i finanziamenti e conferito gli incarichi».

Il presidente Longhitano ha infatti inoltrato a tutti i sindaci della provincia, una richiesta formale di accesso agli atti, chiedendo specificatamente informazioni «sugli incarichi per i servizi di architettura e ingegneria attinenti alla progettazione esecutiva, alla direzione dei lavori e al coordinamento per la sicurezza;sull’assistenza al Rup; sui collaudi» come si legge nella nota. Chiedendo, inoltre, «se le Amministrazioni locali hanno previsto un protocollo d’intesa con i dirigenti scolastici delle scuole di competenza al fine di incaricare i propri funzionari per i servizi richiesti».

Una presa di posizione rilevante «che ha il solo scopo di agevolare la categoria, aprendo un varco lavorativo senza privilegi o rallentamenti burocratici», spiega Longhitano, consentono anche di mettere in pratica le linee di intervento.

Non sono presenti Commenti

    Leave a reply

    Impostazioni della Privacy
    Nome Abilitato
    Cookie Tecnici
    Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
    Cookies
    Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.

    Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.