SICUREZZA SUL LAVORO E ATTIVITÀ DI VIGILANZA: SINERGIA TRA ISPETTORATO E INGEGNERI CATANIA

CATANIA – Fare fronte comune con un unico obiettivo: prevenire e potenziare la sicurezza sul lavorosoprattutto nel settore edile – per ridurre i fattori di rischio, spesso causa d’infortuni e morti bianche. In quest’ottica nasce la sinergia tra Ispettorato del Lavoro di Catania, Ordine e Fondazione Ingegneri del capoluogo etneo. Alla firma, un protocollo d’intesa che si muove su quattro direttrici: «La formazione in capo ai funzionari ispettivi e ai professionisti – spiega il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Catania Mauro Scaccianoce – che alternandosi come relatori e uditori, potranno scambiare esperienze e know-how: un grande arricchimento soprattutto per gli ingegneri, che avranno così modo di acquisire competenze straordinarie. L’istituzione di un tavolo consultivo permanente, con il coinvolgimento di altri Enti coinvolti nelle attività di vigilanza – in particolare l’Asp – che si esprima in merito a problematiche e interpretazioni normative anche attraverso l’elaborazione di linee-guida comuni; l’organizzazione di convegni e seminari sul tema e l’attivazione di tirocini formativi rivolti ai giovani colleghi. Lavorare in rete consentirà di innalzare i livelli di attenzione, garantire legalità nei cantieri e tutelare imprese e lavoratori che svolgono la loro attività nel pieno rispetto normativo. Contenere rischi e massimizzare i livelli di salute e sicurezza, in un clima di collaborazione e condivisione degli obiettivi, è ciò che vogliamo garantire. Ringrazio il direttore dell’Ispettorato Francesco Corsaro per l’apertura e la disponibilità mostrata».

«Uno scambio proficuo – aggiunge il direttore Francesco Corsaro – che, sono certo, grazie al dialogo, allo scambio di esperienze e la formazione continua, porterà concreti risultati in termini di prevenzione. Sensibilizzare i lavoratori e gli addetti ai lavori supporterà l’azione di chi, ogni giorno, è impegnato sul campo per vigilare e contrastare i fenomeni legati alla scarsa sicurezza sul lavoro».

Si parte subito con i corsi di formazione, «che coinvolgeranno sia l’organo di vigilanza che i colleghi interessati – continua Filippo Di Mauro, presidente della Fondazione Ingegneri – non solo in riferimento al titolo IV del decreto legislativo 81/2008, ma anche con l’approfondimento di temi atipici nei corsi di formazione ordinari (Titolo II e III del decreto) e con gli aggiornamenti introdotti dalle recenti novità normative emanate con il dl 146/2021, recentemente convertito in legge 215/2021».

Altro aspetto di fondamentale importanza sarà quello della costituzione di un tavolo consultivo per la redazione di un documento congiunto utile a fugare ogni dubbio su eventuali interpretazioni normative controverse: «Grazie a questa collaborazione – spiega il segretario dell’Ordine Alfio Torrisi – offriremo un vero e proprio servizio alla comunità e non solo alla nostra categoria. Dobbiamo spingere sulla promozione della cultura della sicurezza, oggi che il mercato vive un momento di ripresa, proporzionato a un aumento dei lavoratori in cantiere». All’incontro erano presenti anche il vicepresidente degli Ingegneri Salvatore Maugeri, gli ispettori Salvatore Ronsisvalle e Carmelo Musumeci, il luogotenente Maurizio Andriola.

Non sono presenti Commenti

    Leave a reply

    Impostazioni della Privacy
    Nome Abilitato
    Cookie Tecnici
    Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
    Cookies
    Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.

    Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.