«PROGRAMMAZIONE, PARI OPPORTUNITÀ E PROGETTUALITÀ PER UNA FONDAZIONE PIÙ APERTA E INCLUSIVA»

«Una Fondazione aperta, inclusiva e non discriminatoria»: questi, in sintesi, i punti chiave individuati dalla neopresidente della Fondazione degli Architetti di Catania Eleonora Bonanno. «Tasselli che serviranno a rafforzare il concetto che vede l’architetto quale figura capace di una visione strategica per affrontare le sfide che ci riserva il futuro. Programmazione, pari opportunità, formazione e progettualità saranno i pilastri su cui verterà l’operato della Fondazione per il prossimo quadriennio», ha spiegato Bonanno, in occasione del primo Consiglio composto dal vicepresidente Andrea Toscano, dal segretario Fabrizio Russo, dalla tesoriera Melania Guarrera, da Martina Arena, Cristina Caudullo, Giovanni Longhitano, Igor Nastasi, Anna Polisano, Desiree Russo, Ivana Laura Sorge, Tiziana Torrisi e dal delegato del presidente Andrea Garozzo.

«Un nuovo percorso che inizia con un pensiero affettuoso nei confronti della past president Carlotta Reitano, scomparsa prematuramente l’anno scorso, che ha consentito alla Fondazione di essere riconosciuta come realtà di indubbio valore culturale e di fondamentale importanza per la categoria e il territorio – ha aggiunto – e con un ringraziamento al precedente Consiglio, guidato da Veronica Leone, per l’ottimo lavoro svolto».

«Molteplici sono gli obiettivi da raggiungere – ha commentato Bonanno – su tutti, la formazione, importante per tenere alta la qualità e la professionalità della categoria e per cui occorre un’attenta programmazione degli eventi e dei convegni. Una pianificazione per il 2022 che confluirà nella “Foundation night”, manifestazione di fine anno in cui verrà presentato il nostro calendario alla città, con lo scopo di trovare supporter e sponsor». Obiettivo di questa iniziativa «è trasformare la Fondazione in una istituzione culturale e accreditata a livello regionale quale Ente di Formazione».

«Uno sforzo non indifferente – ha spiegato Bonanno – dove il lavoro di 12 consiglieri non sarà sufficiente. Per centrare gli obiettivi prefissati sarà fondamentale la stretta collaborazione con l’Ordine degli Architetti e del suo nuovo presidente Sebastian Carlo Greco, oltre che di quella ormai consolidata con le istituzioni e gli altri Ordini professionali». Quale sarà la marcia in più? «La presenza sul territorio e un raggio di azione più ampio – anche al di là della città di Catania – Risultato raggiungibile solo attraverso la sinergia con le Associazioni, l’entusiasmo delle forze fresche del Coordinamento Giovani Architetti (CoGA), il Comitato Tecnico Scientifico e il continuo confronto con le altre Fondazioni nazionali, frutto della Rete delle Fondazioni, fortemente voluta dal Consiglio precedente». Presenza sul territorio e dialogo con la comunità che «passa anche da una comunicazione più incisiva. Da qui l’idea di una nuova sede e di un sito ancora più dinamico». Infine, «ampio spazio e sostegno agli iscritti e alle donne, garantendo a tutti pari opportunità. In quest’ottica, daremo vita al movimento #manels, rifiutando la partecipazione a eventi in cui relatori saranno esclusivamente uomini».

Non sono presenti Commenti

    Leave a reply

    Impostazioni della Privacy
    Nome Abilitato
    Cookie Tecnici
    Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
    Cookies
    Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.

    Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.